Ma chi a l'ha vist-la?


Commedia in 2 atti di Gianni Chiavazza

Locandina Ma chi a l'ha vist-la?

- Informazioni Rappresentazione -


Anni di rappresentazione:

Debutto:

Città & Teatri Visitati:

- Informazioni Cast -


Personaggi & Interpreti:

CHIAFFREDO GARNERO, ex partigiano - Mino Canavesio
CECILIA GARNERO, sua figlia - Elsa Pedroni
CARLOTTA, figlia di Cecilia - Carlotta Canavesio
MARIANO VENTURINO, giornalista - Ermanno Mareliati
PISTONE, comandante dei vigili - Sergio Rubinetti
SCARASSO, vigile - Aldo Avalle
TOTA VENERANDA, segretaria dell'On.le - Pinuccia Torazza
DINO CAFER, Onorevole - Gianni Chiavazza
DON BASAPE', parroco - Mino Canavesio / Oreste Leggiardi
SIMONETTA MASOERO, giornalista - Antonella Cipriani
CAMERAMAN, cameraman - Tonino Santoru
ARABELLA TROGLIA, direttrice casa di riposo - Tonina Gerbino
GERANIO TROGLIA, marito di Arabella - Armando Galleano
DR.SSA BONACOSSA, amante dell'On.le - Luisella Tropini
DR. CIAVELLO, medico della casa di riposo - Piermario Musso
SINDACO, sindaco - Maurizio Mellano
PETRIN-A, ex partigiana - Laura Nervo

Regia:

Gianni Chiavazza

Collaboratori:

SCENOGRAFIA: Giusi Cornero, Domenico Audisio, Stefania Ferretto
COSTUMI: Margherita Giraudi
TRUCCO: Laura Nervo
SCENE: Germano Biglia, OresteLeggiardi, Mario Petrolo, Tonino Santoru, Beppe Vera, Mauro Canavesio, Mino Canavesio
LUCI: Mauro Canavesio
SUONO: Tonino Santoru
IMPIANTI: Bruno Benente

- Informazioni Spettacolo -


Trama:
Petri-na Reynaud è un'ultraottantenne che da sempre vive nella sua baita di montagna, con cani e capre, nella ormai spopolata borgata di "Santa Maria dl'orieul". Durante la Resistenza la zona in cui si trova questo piccolo agglomerato di case è stata teatro dell'azione di una brigata partigiana di cui Petri-na era valorosa staffetta. La commedia è ambientata nella vecchia "Locanda dell'aquila reale", locanda che ospitava i pellegrini del vicino Santuario da cui prende il nome la borgata. Un tempo frequentatissimi, ora la locanda è vuota e il santuario è chiuso. In questa vallata di montagna impera politicamente ed economicamente un Onorevole, un tempo sindaco, poi Consigliere Regionale ed ora Parlamentare, ma anche proprietario di diverse case di riposo. I suoi guai cominciano quando Petri-na, forzatamente ricoverata in una di queste, se ne scappa dopo appena tre giorni. E' ormai da mesi che la cercano, inutilmente, con squadre di uomini che rastrellano tutta la zona e che si accampano nella locanda. In realtà, più che cercare lei, mangiano e bevono a sbafo! Anche la popolare trasmissione "Chi l'ha visto?" se ne occupa, ma in questa vicenda ci sguazzano, senza alcun riguardo e con vero piacere, anche gli avversari dell'onorevole. E così la "Locanda dell'aquila reale" diventa, nelle scene della commedia, teatro di imprese ben poco nobili che fanno emergere sempre di più l'attitudine di certa gente alla corruzione, alla sete di un malsano potere, al desiderio di facili e poco leciti guadagni. Sullo sfondo, però, viene raccontata anche una storia dolce e delicata. Su di essa si innesta una formidabile, ironica, grottesca carrellata di personaggi da gustare in pura comicità. Così lo spettatore può mettere a confronto questa nostra generazione, che disconosce i valori del passato e non sa progettare un vero futuro, con quelle dei loro padri o dei loro nonni. Quelle che vissero la Resistenza con i più alti ideali di libertà e di giustizia.

Musiche Scelte:

"La Libertà" di Giorgio Gaber

- Premi & Riconoscimenti -


- Galleria Foto & Video -