Prim, second, cafè e fernèt... banca!


Commedia in 2 atti di Gianni Chiavazza

Locandina Fernèt Banca

- Informazioni Rappresentazione -


Anni di rappresentazione:

Debutto:

Città & Teatri Visitati:

- Informazioni Cast -


Personaggi & Interpreti:

COSIMO SPACCAFAVA, vigilante - Claudio De Marco / Nicola Recchia
PIPPO, addetto alle pulizie - Enrico Bianco / Francesco Rizzati
GUIDO, direttore d'agenzia - Aldo Avalle
DOMITILLA, vicedirettrice - Ilaria Morra / Marina Tuninetti
SIMONA, impiegata - Serena Casalis / Marina Tuninetti / Carlotta Canavesio / Federica Appendino
VALERIA, impiegata - Aurelia Lumello
OSCAR, impiegato - Maurizio Mellano
TEO, impiegato - Emiliano Gariglio / Michelino Bosco
MONSU FROLA, pensionato - Gianni Chiavazza
PERO FORTUNA, allevatore benestante - Gianni Chiavazza
GARRULU, cliente - Tonino Santoru
MADAMA BAGNA, moglie di Cauda - Elsa Pedroni
MONSSU CAUDA, imprenditore - Francesco Rizzati / Sergio Rubinetti
NODAR PECUNIA, notaio - Mino Canavesio
MONSSU CATAFALCO, lo sfigato - Mino Canavesio
TOTA GARIASSA, cliente - Tonina Balangero
ALCEA NECCHI, ex-attrice - Laura Nervo / Margherita Giraudi
1° BANDITO, bandito - Gianni Chiavazza
2° BANDITO, bandito - Mino Canavesio
£° BANDITO, bandito - Maurizio Mellano

Regia:

Francesco Rizzati

Collaboratori:

COSTUMI - Margherita Giraudi
SCENE - Germano Biglia, Oreste Leggardi, Tonino Santoru, Mario Petrolo, Michele D'Antino
LUCI - Mauro Canavesio
IMPIANTI - Bruno Benente
TRUCCO - Laura Nervo

- Informazioni Spettacolo -


Trama:

Sul palco il filo conduttore è il vile denaro, inseguito, sperperato, rubato da clienti avidi disegnati a colori vivaci, che incappano nella razza enigmatica e complessa del bancario. I numeri prima di tutto, ridotti o ingigantiti da termini tecnici sciorinati apposta per confondere le acque, spiegazioni incomprensibili scritte a piccoli caratteri... Ma da una situazione ingarbugliata, nella quale la somma di 45.000 euro riesce a passare inspiegabilmente di mano in mano, nasce qualcosa di semplice e vero: l'immancabile nobile amore che mette a tacere gli arroganti e premia gli onesti. Innamorati, rei di qualche scappatella di troppo, sono il Diretor e la sua Vice, ben presto oggetto della spudorata ironia delle cassiere impiccione. A completare il quadro di una filiale di banca poco ligia al dovere, due colleghi interessati al gentil sesso più che agli indici finanziari. A interrompere imbarazzanti allusioni ci pensano i clienti, capitati più o meno a caso per mettere a dura prova le capacità e soprattutto la pazienza del Diretur e dei suoi. Da Mousù Frola, che resta impigliato nella bussola, perché è troppo sordo e miope per capire come si entra in banca, al Nudar Pecunia, che ha trascorso la sua triste vita solitaria a strozzinare conoscenti e affittuari, per ritrovarsi poi senza il becco di un quattrino. Oppure Monsù Catafalco, anziano depresso di nero vestito, che perde un biglietto della lotteria che farà la fortuna di Cosimo, scapestrata guardia giurata oggetto del desiderio di Alcea Necchi, attrice d'altri tempi caduta in disgrazia... In tanti entrano ed escono dalla bussola, alla ricerca di quella ricchezza che solo gli sprovveduti pensano si nasconda nei soldi.

Musiche Scelte:

- Premi & Riconoscimenti -


- Galleria Foto & Video -


Per le foto di Prim, second, cafè e fernèt... banca!, CLICCA QUI